english version english



MILITARY GENIUS (Can / Unheard of Hope)
Un nuovo progetto dalla inesauribile scena canadese: si chiama Military Genius e ne titolare il musicista e produttore Bryce Hildebrand Cloghesy, gi membro di NOV3L e dei pi noti Crack Cloud, collettivo artistico che funge da meccanismo di sopravvivenza e recupero - da abusi e dipendenze varie - per i suoi stessi membri e fan (cfr. The Guardian). Se in questi ultimi rabbia, istanze sociali e impegno politico sono veicolati attraverso ritmiche e metriche ossessive in una singolare sintesi di (est)etica post-punk e hip-hop, nel progetto solista di Cloghesy i toni e le atmosfere si fanno pi sfumati e meditativi.

Deep Web (questo il titolo del disco, in uscita il 6 marzo 2020 per Unheard Of Hope, divisione della label inglese Tin Angel Records) frutto del lavoro di quattro anni, passati in tour con i progetti citati e ad agitare le scene musicali delle citt in cui Cloghesy ha vissuto: la natia Calgary, dove cresciuto allombra delle celebrit locali Women e Chad Vangaalen; Montreal, dove ha prodotto dischi, gestito il club underground Poisson Noir e condotto programmi radiofonici; e Vancouver, dove attualmente risiede. Anni intensi e turbolenti, nei quali, stando alla bio fornita dalletichetta, il nostro ha anche rischiato di lasciarci le penne. Come per reazione a tutto ci, il mood dellalbum notturno, solitario e introspettivo. "Deep Web" tiene magicamente insieme brandelli di jazz cinematico ed esperimenti di soul slabbrato (Reflex), movenze trip-hop (Not Tonight), elettronica ansiogena la Suicide (When I Close My Eyes) e canzoni in bassa fedelt. La melodia si fa strada tra scorie industrial e vapori ambientali, spesso sorretta dai soffi del sax e dalla voce, indolente, riverberata e avvolgente, dellautore: il caso di "Focus" (primo singolo reso disponibile dalletichetta) con il suo incedere circolare, stretto attorno a un lento giro di basso e a una batteria suonata con le spazzole, su cui poggiano il sibilo di unarmonica e una tastiera badalamentiana; o Let My Guard Down, brano che induce a battere il famoso piedino e che ogni radio illuminata dovrebbe passare almeno una volta al giorno! O la conclusiva Born Blind, delicata ninna nanna semi acustica in cui Bryce coadiuvato da Jon Varley, suo sodale anche in NOV3L e Crack Cloud e nel tour italiano previsto a febbraio.

Quello di Military Genius insomma un esordio splendido, un riuscitissimo esempio di gender bending musicale che ha la propria coerenza e cifra estetica nella qualit degli arrangiamenti e dei suoni: stranianti ma non strani, cavernosi ma non cupi, attualissimi eppure attraversati da un calore analogico vagamente retr. Che sia nata una stella? In attesa della prova live e del prossimo passo discografico, dischi come questo ci ricordano quanta bella musica ci sia in giro. Basta solo avere le orecchie aperte.

Ascolti:
"L.M.G.D." (anteprima su The New Noise)
"Focus" (su Ondarock e su The Quietus)
"When I Close My Eyes" (su Son Of Marketing)

Dal vivo Military Genius sono:

Bryce Hildebrand Cloghesy: sax, voce, elettronica
Jon Varley: basso
LIVE:
14/2/20 Verona @ Arci Kroen
15/2/20 Savona @ Raindogs
17/2/20 Roma @ Le Mura
18/2/20 Pisa @ Caracol
20/2/20 Napoli @ secret show (Retronuevo/Wakeupandream)
21/2/20 Perugia @ T-Trane
22/2/20 Osimo (An) @ Loop
23/2/20 Carpi (Mo) @ Mattatoyo
MORE PHOTOS:

ultimo aggiornamento: 13/02/2020 15:08:00
torna in homepage